DCT Network Salute - News

L'ARRIVO DELLA PRIMAVERA ACUTIZZA LE ALLERGIE
Ecco alcuni consigli per ridurre le reazioni allergiche durante i periodi di concentrazioni polliniche: esci di prima mattina o in tarda serata, evita gite in campagna, soprattutto con il vento, in auto viaggia con i finestrini chiusi, indossa maschere antipolvere, evita strade trafficate, aree verdi, lava con più frequenza i capelli. I pollini possono finire tra i capelli e poi depositarsi sul cuscino quando riposi. Gli antistaminici sono farmaci prevalentemente usati per alleviare i disturbi causati dalle allergie, ma come tutti i farmaci, devono essere assunti seguendo le indicazioni mediche in merito a dosi e frequenza.

SCOPERTA A GENOVA TERAPIA CHE BLOCCA LA SCLEROSI MULTIPLA
La progressione della Sclerosi Multipla - malattia autoimmune/infiammatoria cronica che distrugge la guaina mielinica delle cellule nervose -, può essere bloccata con una terapia intensa di immunosoppressori seguita da autotrapianto di cellule staminali ematopoietiche (presenti nel midollo spinale). E' quanto emerge da uno studio, pubblicato sulla rivista Neurology, e coordinato dall' Ospedale Policlinico San Martino dell'Università di Genova. I pazienti sottoposti al trapianto hanno avuto una remissione della malattia duratura nel tempo. La sclerosi multipla colpisce circa 3.400 persone ogni anno in Italia, con un’età di esordio generalmente tra i 20 e i 40 anni. La maggior parte delle persone con sclerosi multipla presenta una forma di malattia in cui il danno a livello neurologico si accumula molto lentamente.

LE FIBRE ALIMENTARI COMBATTONO LA DEPRESSIONE
E' quanto emerge da un recente studio americano dal quale si evidenzia che l'alto consumo di alimenti che contengono fibre: verdure, frutta, cerali, legumi migliora il benessere mentale e contribuisce a ridurre i sintomi depressivi legati alla menopausa e alla pre-menopausa. Gli effetti positivi sono stati osservati su 5.800 donne di diverse età del campione analizzato. I ricercatori hanno potuto verificare che le donne con un migliore livello di salute mentale, seguivano una dieta più sana e consumavano più fibre. L’apporto di fibre migliora il microbiota intestinale - comunità microbica del tratto enterico - favorisce l’interazione tra intestino e il cervello attraverso la produzione della seratonina, un neurotrasmettitore presente soprattutto a livello intestinale che agisce sull'umore, come già dimostrato in altre ricerche scientifiche precedenti.